Intervista agli SNOT

In occasione dell'uscita del loro prossimo album "V X E" (in uscita a breve), abbiamo deciso di intervistare una vecchia conoscenza per chi segue il nostro sito: gli SNOT. Il talentuoso gruppo hip hop vicentino che dal nostro ultimo articolo ha allargato la "formazione":

nella Crew, oltre i membri originali (Divieto, Reo, Whity), si aggiungono l'mc Rabbia e i dj Mr.3 e Dj MS (Beats4Breakfast, Sweet Poison)

 

 

 

Ok, finita l'introduzione possiamo cominciare:

-Come avete iniziato? Esiste una leggenda sulle vostre origini? E come mai il nome SNOT?

Abbiamo iniziato nel 2006 accomunati dalla passione per la musica con i primi freestyle tra amici.
Qualche anno dopo sono arrivate le prime canzoni.
Il nome SNOT significa muco nasale ma anche individuo spregevole e scomodo, è un modo per non prenderci troppo sul serio ed allo stesso tempo affermare che la scomodità è tipica di chi dice il vero.
Esistono molte leggende,ma è meglio non narrarle.

- Noi della Redazione di Punk Vanguard abbiamo sentito che uscirete presto con un nuovo disco, citando Caparezza:
E' vero che "il secondo album è sempre il più difficile nella carriera di un artista"? E altri progetti futuri? Anticipazioni ?

Sicuramente dopo il primo disco si è chiuso un capitolo, ci sentivamo in dovere di rinnovarci e ciò è avvenuto dopo un periodo transitorio.
Il risultato è un disco più maturo, specchio della società odierna.
Comunque, per non sbagliare, stiamo lavorando già ad ulteriori nuovi progetti per dare continuità alla faccenda.
A breve uscirà il primo video estratto dal nostro nuovo disco V X E, il quale sarà disponibile in freedownload su basi del team Beats 4 Breakfast.

- Dopo le recenti "aperture" di artisti del calibro di Turi, Rocco Hunt e Lord Madness avete già qualche altra data in programma?

Stiamo preparando un piccolo tour nel nord Italia, le date saranno periodicamente aggiornate nella nostra pagina facebook.

- Raccontateci il procedimento tipico nella creazione di una vostra traccia

Generalmente si parte dalla selezione di un sample e si ascolta insieme il beat. L'ispirazione ci guida nella scelta di un argomento ed ognuno scrive la propria strofa. Nel nuovo disco abbiamo anche sperimentato una nuova tecnica, scrivendo in comune a 6 mani l'intero testo e dividendo successivamente le parti da cantare.

- Gli artisti stranieri e non che vi hanno influenzato di più?

Il nostro background musicale E' molto vasto e va oltre i confini del rap.
Parte dal punk dei Rancid ai classici di 2 Pac, passando per nomi noti quali Rage Against The Machine, Sean Price, Evidence, Wu Tang Clan, Bassi Maestro, Kaos One, Colle Der Fomento e i primi dischi dei Club Dogo .

- Un'ultima domanda, cosa ne pensate della scena nazionale e locale?

Hai un sacchetto? Ahahaahh! Bless!!


Ok, purtroppo l'intervista E' finita ma non preoccupatevi, per ulteriori news potete seguire la loro pagina facebook www.facebook.com/SNOT.ITALIA
e il loro canale YouTube www.youtube.com/user/snothiphop

Un grande ringraziamento agli SNOT che sono stati molto disponibili e un saluto dal vostro J.H.Rodriguez.